La Cecoslovacchia

28 ottobre 1918: nasce la Repubblica di Cecoslovacchia dall'ideologia di Masaryk. Cechi e Slovacchi uniti fino al 1993 ma mai con una storia comune.

la-cecoslovacchia

La Cecoslovacchia

Un po’ di storia. La prima guerra mondiale volgeva al termine e inevitabilmente l’impero austro-ungarico sarebbe stato disciolto. Dal suo esilio, il professor Tomáš Garrigue Masaryk, contagiò le potenze che si apprestavano a vincere contro gli austriaci con la sua ideologia sull’“autodeterminazione dei popoli slavi e di altri popoli”.

Masaryk riuscì nel suo intento di “unità slava” con gli accordi di Pittsburgh il 30 maggio 1918 che sancirono la nascita di uno Stato bi-nazione: con un colpo solo i cechi si liberano dagli austriaci e gli slovacchi dagli ungheresi.

Il 28 ottobre 1918 fu proclamata la Repubblica di Cecoslovacchia, dall’unione delle terre del vecchio Regno di Boemia, della Slovacchia e parte dell’attuale Ucraina (a quel tempo la Rutenia subcarpatica).

Tomáš Garrigue Masaryk fu nominato Presidente del nuovo Stato.

Masaryk

Chi era Masaryk

Sociologo, filosofo e politico. Legato alla Massoneria e sostenuto da Thomas Wilson (il 28° Presidente degli Stati Uniti d’America). Tra le sue più importanti opere “La nuova Europa”.
Masaryk fu il primo Presidente della Repubblica Cecoslovacca, riconfermato per altri tre mandati gli successe il suo collaboratore Beneš, ma la seconda guerra si avvicinava…

La figura di Masaryk sopravvive sulla banconota di maggior taglio della corona ceca.

banconote-corona-ceca-Masaryk

Un Paese travagliato

La neonata Cecoslovacchia non ebbe facili trascorsi. Neanche il tempo di assaporare l’indipendenza dagli Austriaci che fu occupata da nazisti di Hitler.

Liberatasi dagli oppressori, un nuovo regime creò un clima di terrore non tanto diverso dal primo.  Ci fu il tentativo di creare un socialismo dal volto umano, ma la Primavera di Praga fu duramente repressa dal regime comunista centrale del tempo.

Il vento di libertà tornò a soffiare solo nel 1989, la Rivoluzione di Velluto ridiede la democrazia negata. Qualche anno dopo però la Cecoslovacchia fu disciolta pacificamente.

Scopri Praga ai tempi del Comunismo

I cechi e gli slovacchi

Perché unire due popoli mai con una storia comune?

La Cecoslovacchia era uno Stato bi-nazione: due popoli uniti dal 1918 e fino al 31 dicembre 1992 quando vennero proclamate la Repubblica Ceca e la Slovacchia.
Nessuna ragione del perché il nuovo Stato era sorto stava in piedi.

Nell’impero Austro Ungarico, Praga (Cechia) era vicina a Vienna, Bratislava (Slovacchia) vicina a Budapest.

Alla fine della prima guerra mondiale, con gli Accordi di Pittsburgh gli Slovacchi ottennero la promessa di una ampia autonomia nel futuro nuovo Stato, promessa che peraltro non fu mantenuta.
L’amministrazione centrale della neonata Cecoslovacchia era ceca, e per gli Slovacchi Praga aveva preso il posto di Budapest.

Cattolici gli slovacchi, atei i cechi. La religione cattolica era prigioniera di uno stato laico e furono proprio i movimenti cattolici di Tiso a guidare l’indipendenza dalla Cechia. Ma questa è un’altra storia

Dovresti aver letto anche:

Lascia un commento

I Migliori Tour di Praga